Menu
  • CARTA DEI DIRITTI DEL DISABILE

  • CARTA DEI SERVIZI

  • GUIDA AI FAMILIARI

  • L’AMBITO EDUCATIVO: IL MODELLO SCIENTIFICO

  • LE NOSTRE ATTIVITÀ

R.S.D. (93 posti letto), atto di accreditamento: D.G.R. n. VII/21300 del 18/04/2005
Questa area ha una ricettività massima di 93 posti letto, suddivisi in cinque Unità Abitative: Angeli Custodi (18 p.l.), Gesù Bambino (20 p.l.), San Giovanni Bosco (15 p.l.), San Domenico Savio (20 p.l.), Sant’Agnese (20 p.l.).

Finalità

La richiesta di inserimento in R.S.D. composta da relazione sanitaria del M.M.G, del medico specialista o referente della struttura dove si trova l’interessato, ulteriore documentazione clinica significativa (esami medici, visite specialistiche), la relazione dell’Assistente sociale di riferimento, può essere inoltrata alla struttura direttamente dai familiari, dal tutore o ADS, dai Servizi sociali del Comune di residenza o di Servizi specialistici (CPS, SERT…).

Le richieste di inserimento in RSD sono valutate dall’equipe multidisciplinare dell’Istituto costituita da: Responsabile sanitario e Psichiatra, Direzione, Assistente sociale.

Se ritenute idonee per la lista di attesa l’Assistente sociale contatta gli invianti per fissare un incontro di approfondimento e raccogliere le informazioni utili sulla persona alla presenza dei familiari e degli operatori coinvolti nella presa in carico dell’utente e se possibile anche del diretto interessato all’inserimento. A seguito dell’incontro conoscitivo viene effettuata una valutazione che considera aspetti clinico funzionali, sociali e familiari, tempistica della domanda e priorità territoriale. Si tengono inoltre in considerazione le caratteristiche degli ospiti già presenti in struttura al fine di cogliere meglio la fattibilità dell’inserimento della persona nella struttura alla luce del percorso di tipizzazione già in atto.

Dimissioni

In caso di volontà delle parti beneficiarie di recedere dal presente atto si necessita di un preavviso scritto di almeno 15 giorni lavorativi; in caso di non rispetto dei termini, l’Ente procederà all’addebito della retta per i giorni mancanti, salvo tempestiva occupazione del posto letto da parte di altro soggetto.

Retta

Il costo del servizio è coperto dalla quota sanitaria, garantita dalla Regione Lombardia per il tramite dell’ATS, e dalla retta socioassistenziale, a carico dell’ospite, del familiare o del Comune in base ai singoli regolamenti comunali, che viene determinata dall’Ente Gestore, in via ordinaria annualmente.

Modalità di fatturazione della retta

La retta viene fatturata mensilmente e posticipatamente. Viene inviata al recapito che l’utente, o chi per esso, ha indicato al momento dell’inserimento. Il pagamento deve essere effettuato entro il 10° giorno rispetto alla data della fattura a mezzo bonifico bancario sul conto corrente dell’Istituto. Per il 2018 il costo a carico dell’ospite è di 66 € giornalieri. Inoltre è prevista una cauzione pari a €. 2.000,00 (duemila/00) da versare al ricevimento della fattura.

Prestazioni comprese nella retta

La retta relativa all’inserimento nella R.S.D. è onnicomprensiva di tutte le prestazioni erogate, in particolare:

  • vino e acqua ai pasti;
  • merenda quotidiana;
  • lavaggio biancheria intima e vestiario;
  • servizio rammendatura e stireria indumenti;
  • servizio parrucchiere e barbiere (a carico dell’utente la fornitura del rasoio elettrico);
  • servizio manicure e pedicure;
  • riscaldamento invernale e raffrescamento estivo;
  • trasporti sanitari per esami o ricoveri (sono a carico dell’ospite i trasporti con ambulanza);
  • soggiorni estivi, gite e uscite compatibilmente con le condizioni di salute dell’ospite.

Prestazioni non comprese nella retta

  • Trasporti (es. per ricoveri, controlli clinici…) effettuati avvalendosi di ambulanza;
  • eventuale assistenza diurna o notturna durante i ricoveri;
  • vestiario personale dell’ospite;
  • rinnovo carta d’identità e foto tessera.

Il costo della retta viene di norma rivalutato ogni anno, per tale voce fare riferimento all’apposito.

Assenza ospiti

L’assenza per ricovero ospedaliero, in una struttura riabilitativa, o per altre ragioni, non comporta nessuna decurtazione della retta che pertanto deve essere corrisposta per intero.